La prima raccolta poetica di Sereni comprende testi scritti negli anni precedenti alla guerra tra il ’35 e il ’40 e viene pubblicata per la prima volta a Milano per le edizioni di “Corrente” nel febbraio del ’41. Segue a distanza di poco più di un anno, nell’autunno del ’42, una seconda edizione presso l’editore Vallecchi di Firenze, senza sostanziali variazioni eccetto l’aggiunta di poche liriche (A M.L. sorvolando in rapido la sua città e Strada di Creva) e la modifica del titolo originario in un più generico Poesie. I testi di questa seconda edizione sono preceduti da una Nota d’Autore in cui Sereni giustifica la scelta di cambiare il titolo originale (definito «diletto ma troppo preciso») e affida il libro agli amici come testimonianza duratura della produzione giovanile nell’imminenza della sua partenza per la guerra. La raccolta conoscerà infine una terza e ultima edizione nel ’66 (“All’insegna del Pesce d’Oro”, Scheiwiller, Milano), contestualmente al piano di revisione e risistemazione delle proprie opere attuato da Sereni nello stesso periodo della pubblicazione della sua terza raccolta poetica, Gli Strumenti Umani.… Continua la lettura …

Frontiera 1941 Corrente

Il titolo della seconda raccolta poetica di Sereni, che è anche quello di una specifica sezione dell’opera, si riferisce alle occasioni di composizione dei testi qui riuniti, legati al periodo della guerra e della prigionia in Africa tra il ’42 e il ‘45, come lo stesso autore spiega nella nota iniziale alla prima edizione. Il carattere di diario è accentuato dalla presenza, nella maggior parte delle liriche, dell’indicazione in calce del luogo e della data di composizione, che permettono al lettore di seguire l’inconcludente itinerario che caratterizza l’esperienza bellica del poeta: il primo trasferimento in Grecia dopo il periodo di ferma a Bologna, il ritorno in Italia e l’invio in Sicilia, fino alla cattura e alla prigionia vera e propria in diversi campi di concentramento tra Algeria e Marocco francese.… Continua la lettura …

Diario d'Algeria 1947 Vallecchi

Gli strumenti umani, terza e più importante raccolta poetica di Sereni, esce nel ‘65 per la casa editrice Einaudi. Per lo stesso editore viene ripubblicata dieci anni più tardi, nel ’75, con il saggio di Mengaldo Iterazione e specularità in Sereni in apertura e praticamente senza modifiche eccetto l’aggiunta di una singola poesia, I ricongiunti.… Continua la lettura …

Gli strumenti umani 1965 Einaudi

La prima edizione di Stella Variabile, ultima raccolta poetica di Sereni, compare nel 1980 (ma con indicazione tipografica 1979) in tiratura limitata per i “Cento Amici del Libro” accompagnata da litografie di Ruggero Savinio; l’opera viene poi ripubblicata nel 1982 (ma con indicazione 1981) per Garzanti. Nella seconda edizione aumenta in modo sostanzioso il numero… Continua la lettura …

Stella variabile 1981 Garzanti